Biossido di Titanio

Una tecnologia innovativa direttamente dalle stazioni aerospaziali della NASA

 

 

La fotocatalisi è il fenomeno naturale in cui una sostanza, detta fotocatalizzatore, attraverso l’azione della luce (naturale o artificiale) modifica la velocità di una reazione chimica, il suo funzionamento imita la fotosintesi clorofilliana.

Come opera?

Il processo chimico che sta alla sua base è infatti un’ossidazione che si avvia grazie all’azione combinata della luce e dell’umidità presente nell’aria.

I due elementi (luce e vapore acqueo), a contatto con i fotocatalizzatori (TiO2 – Biossido di Titanio), favoriscono l’attivazione della reazione di ossidazione e la conseguente decomposizione delle sostanze organiche e inorganiche.

Proprio per la sua forte capacità ossidativa, l’ossidazione fotocatalitica è in grado di igienizzare, deodorare e purificare l’aria, l’acqua e le superfici.

La fotocatalisi non solo uccide i microorganismi, (Virus, Batteri, Muffe), ma li decompone. Questa tecnologia converte particelle e gas dannosi tossici in composti più sicuri come anidride carbonica e acqua.

 

a)  La luce UV crea ioni reattivi

  • La lampada UVC distrugge i germi che passano nel suo raggio di azione.
  • Quando il vapore acqueo presente nell’aria, a contatto con il sistema di catalizzazione AHPCO viene irradiato dai raggi UVC si generano  ioni reattivi.

b)  Virus, Batteri, VOC e gli altri inquinanti vengono distrutti

  • Gli ioni reattivi generati  vengono a contatto con i contaminanti ambientali neutralizzandoli  attivamente  purificando l’ambiente.

c)  Produzione di vapore acqueo

  • Gli Ioni che non hanno reagito con gli inquinanti si legano tra loro riformando innocue molecole di H2O e il ciclo si ripete.